Contributi per 69 milioni di euro in 2 anni e percorsi di inserimento sociale. Ecco come il Gruppo consiliare del Partito Democratico e la Giunta combattono il disagio e la povertà

Altri articoli di questa sezione:

Il Gruppo consiliare PD in Regione sostiene la famiglia e la formazione professionale del lavoratore autonomo con contributi a fondo perduto

Grazie al Piano per l'occupazione sostenuto dal Gruppo consiliare del Partito Democratico ha un impiego il 60% dei giovani disoccupati...

Le politiche sociali di sostegno al reddito hanno aiutato 15.801 nuclei familiari

Le famiglie italiane vivono anni difficili perché sono più povere che in passato. Nonostante la crescita dei consumi e dell’occupazione, sono ancora numerose le persone in difficoltà:

  • 4 milioni di famiglie sono a basso reddito*
  • la povertà assoluta riguarda il 6,1% dei nuclei familiari*
  • il 28,7% della popolazione è a rischio povertà o esclusione*

La causa principale del disagio economico è il lavoro di bassa qualità (Rapporto 2017 ISTAT). Il Gruppo consiliare PD e la Giunta di centrosinistra del Friuli Venezia Giulia hanno risposto alle difficoltà di persone e famiglie con contributi economici di sostegno al reddito.

Nel 2016 le politiche sociali del Govero regionale hanno dato un aiuto concreto a:

  • 15.801 nuclei familiari
  • ovvero 43.022 persone

Nel corso del biennio 2016/2017 il Governo regionale di centrosinistra ha stanziato 69 milioni di euro per aiutare le persone a superare la propria condizione di difficoltà.

Misura di inclusione attiva con sostegno al reddito: un aiuto economico e progetti formativi per superare le difficoltà. 6.000 persone avviate al lavoro nel 2016

La Regione Friuli Venezia Giulia non concede solo un sussidio economico alle persone che richiedono la misura di inclusione attiva. Il Governo regionale di centrosinistra vuole aiutare chi è in difficoltà a superare definitivamente il proprio disagio.

Per questa ragione propone un patto tra il Servizio Sociale del Comune di residenza e il nucleo familiare con problemi economici. Alla definizione dell’accordo partecipano i Centri regionali per l’impiego e i Centri regionali per l’orientamento. La persona che chiede aiuto economico si impegna a seguire un percorso di:

  • inserimento sociale
  • occupabilità
  • inserimento lavorativo

Sono 6.000 le persone avviate al lavoro nel 2016 dopo aver sottoscritto il patto.

Chi non rispetta l’accordo non ha più diritto al contributo. Il patto vicola tutti i maggiorenni della famiglia che concordano percorsi individuali per superare i problemi economici.

L'articolo continua sotto. Qui, intanto, puoi lasciare i tuoi dati per ricevere aggiornamenti sui servizi disponibili per te:

Ha diritto al contributo il nucleo familiare con ISEE fino a 6.000 euro

La misura di inclusione attiva con sostegno al reddito può essere chiesta dai nuclei familiari con almeno un componente:

  • cittadino italiano o comunitario
  • cittadino straniero con permesso di soggiorno
  • rifugiato
  • residente in Friuli Venezia Giulia da almeno 24 mesi continuativi

Per accedere alla misura, il reddito ISEE della famiglia non deve superare i 6.000 euro. L’ammontare è definito in base agli scaglioni di reddito.

Il contributo ha una durata di 12 mesi e viene pagato ogni bimestre. La misura di inclusione attiva con sostegno al reddito può essere concessa per altri 12 mesi, ma dopo che siano trascorsi 2 mesi dalla scadenza. In questo caso, il patto di inclusione deve essere nuovamente definito entro 4 mesi dal rinnovo del contributo.

Ecco gli importi del contributo

L’ammontare della misura dipende dagli scaglioni ISEE:

Scaglioni ISEE Importo in euro Nucleo senza minori Importo in euro Nucleo con 1 minore Importo in euro Nucleo con 2 o + minori
annuale mensile annuale mensile annuale mensile
Da 0,00 a 1.000 euro 4.800 400 6.000 500 6.600 550
Da 1.000,01 a 2.000 euro 4.320 360 5.520 460 6.120 510
Da 2.000,1 a 3.000 euro 3.780 315 4.980 415 5.580 465
Da 3.000,01 a 4.000 euro 2.820 235 4.020 335 4.620 385
Da 4.000,01 a 5.000 euro 1.800 150 3.000 250 3.600 300
Da 5.000,01 a 6.000 euro 840 70 2.040 170 2.640 220

Se hai bisogno di ulteriori informazioni per te o una persona a te cara compila il

Queste le richieste di contributo pervenute, divise per territorio e composizione familiare

La misura attiva di sostegno al reddito promossa dal Gruppo consiliare PD e dal Governo di centrosinistra in Regione ha risposto a un bisogno economico diffuso nel territorio del Friuli Venezia Giulia:

Trieste Richieste 4.844
Udine Richieste 3.166
Basso Isontino Richieste 1.301
Pordenone Richieste 984
Alto Isontino
Alto Friuli

Il servizio è stato richiesto da:

  • 61,9% italiani
  • 57% nuclei con prole
  • 49% nuclei con almeno 3 componenti
  • 33% delle richieste è di nuclei unipersonali

Il 76,6% delle persone che hanno fatto domanda ha richiesto il contributo per pagare affitti di casa arretrati.

Per accedere alla modulistica clicca qui

RIFERIMENTI

*Rapporto 2017 ISTAT

Potrebbero interessarti anche questi servizi: