La Giunta Regionale di centrosinistra conferma il contributo alle famiglie del Friuli Venezia Giulia con figli iscritti alle scuole paritarie

Un assegno di studio per gli alunni delle scuole dell’obbligo e gli studenti delle secondarie parificate

In Friuli Venezia Giulia sono attive 56 scuole non statali, che rappresentano un’alternativa per 4.500 studenti (ricerca Guerin-Lepore/MIUR). Si tratta di:

  • 22 scuole primarie
  • 11 scuole secondarie
  • 23 secondarie di II grado*

La Regione Friuli Venezia Giulia concede assegni di studio agli alunni iscritti alle scuole dell’obbligo e alle secondarie non statali per abbattere il costo delle rette. Il contributo è riconosciuto per gli iscritti agli istituti paritari e parificati.

Si tratta di scuole non statali che svolgono un servizio pubblico, con:

  • equiparazione dei diritti e dei doveri degli studenti
  • medesime modalità di svolgimento degli esami di Stato
  • assolvimento dell’obbligo di istruzione
  • abilitazione a rilasciare titoli di studio con lo stesso valore legale delle scuole statali

L'articolo continua sotto. Qui, intanto, puoi lasciare i tuoi dati per ricevere aggiornamenti sui servizi disponibili per te:

Ecco chi può chiedere il sostegno economico

Il contributo regionale può essere richiesto dai nuclei familiari:

  • con figli residenti in regione
  • regolarmente iscritti all’anno scolastico in corso
  • con ISEE non superiore a 33.000 euro

L’ammontare massimo del contributo è stabilito ogni anno sulla base degli indici di costo dell’istruzione nelle scuola dell’obbligo e secondarie. Per il 2017 sono stati confermati quelli dell’anno precedente:

Scuola primaria Scuola secondaria di primo grado Scuola secondaria di secondo grado
730 euro 1.030 euro 1.430 euro

La misura degli importi è stabilita per fasce di reddito:

Fascia ISEE MINIMO ISEE MASSIMO IMPORTO
Prima 0,00 euro 20.000 euro Valore massimo
Seconda 20.000,01 euro 25.000 euro 75% del valore massimo
Terza 25.000,01 euro 33.000 euro 50% del valore massimo

Contatti

RIFERIMENTI

*(ricerca Guerin-Lepore/MIUR)

Potrebbero interessarti anche questi servizi: