Aiutare i giovani a trovare lavoro è una priorità del Governo regionale di centrosinistra. Con le politiche sostenute dal Gruppo consiliare PD cala il numero dei giovani che non hanno occupazione

In Friuli Venezia Giulia il 92% degli studenti porta a termine la scuola. E aumentano gli occupati tra i giovani che vivono in condizioni di disagio

Cala il numero dei ragazzi italiani che abbandonano gli studi, ma l’Italia resta ancora agli ultimi posti tra i Paesi dell’Unione Europea (ISTAT):

  • il 13,8% dei giovani lascia scuola e università (in UE è l’11%)
  • 2,2 milioni di persone tra 15 e 29 anni non lavorano e non seguono corsi di formazione (il 24,3% della popolazione giovanile)
  • il 37,8% dei giovani tra 15 e 24 anni sono disoccupati*

L’Unione Europea vuole ridurre l’abbandono scolastico sotto il 10% entro il 2020. Il Friuli Venezia Giulia ha già raggiunto l’obiettivo ed è tra le prime regioni italiane:

Diminuisce anche il numero dei giovani che non studiano, non seguono percorsi di formazione e non lavorano (Regione in cifre 2017):

NEET - Giovani che non studiano, non si formano e non lavorano in FVG**
Età 15-24 anni da 17.000 nel 2012 a 14.153 nel 2016
Età 18-29 anni da 28.500 nel 2014 a 27.358 nel 2016

Il merito è delle politiche per l’occupazione che la Giunta regionale ha avviato nel 2014, con il sostegno del Gruppo consiliare PD. Il piano integrato (PIPOL) del Governo di centrosinistra ha funzionato. Hanno trovato lavoro:

  • il 31,7% delle persone che hanno partecipato al progetto
  • la percentuale sale al 65% tra i giovani impegnati nei tirocini di formazione e orientamento

L'articolo continua sotto. Qui, intanto, puoi lasciare i tuoi dati per ricevere aggiornamenti sui servizi disponibili per te:

Garanzia Giovani: un progetto di futuro per 11.000 ragazzi

Chi non porta a termine gli studi vive prevalentemente in famiglie con problemi:

  • economici
  • di disoccupazione
  • di emarginazione sociale e povertà***

Per superare le difficoltà è necessario avere un lavoro. Il progetto Garanzia Giovani è destinato a:

  • ragazzi tra 15 e 18 anni che hanno lasciato o rischiano di lasciare la scuola (ESL)
  • giovani tra 19 e 29 anni che non studiano, non si formano e non lavorano (NEET)

Fino ad oggi 11.000 ragazzi hanno partecipato ai progetti di Garanzia Giovani.

Percorsi individuali per superare le difficoltà. Ecco quali

I ragazzi non sono tutti uguali, anche quando condividono lo stesso disagio. Garanzia Giovani prevede per gli iscritti al programma 4 fasce:

Fascia 1 giovani a rischio dispersione scolastica (ESL) Da 15 a 19 anni non ancora compiuti
Fascia 2 giovani che non lavorano, non studiano e non si formano (NEET) Fino a 30 anni non ancora compiuti
Fascia 3 diplomati da meno di 12 mesi Che non hanno compiuto 30 anni
Fascia 4 laureati da meno di 12 mesi Che non hanno compiuto 30 anni

Ogni fascia ha il suo percorso:

  • Informazione e orientamento
  • Accompagnamento al lavoro
  • Tirocini (in regione, in UE)
  • Sostegno all’autoimpiego e all’autoimprenditorialità
  • Supporto per l’accesso al credito agevolato
  • Percorsi di formazione in azienda
  • Apprendimento permanente
  • Formazione mirata all'inserimento lavorativo

Nel 2016 sono stati avviati 701 corsi. Il 67% dei ragazzi ha concluso le attività del programma. Ecco i risultati per ogni attività:

Percorso Avviati Conclusi Idonei Percentuale di idonei/conclusi
Orientamento 253 249
Formazione mirata all'inserimento lavorativo (a risultato) 7 7 7 100%
Formazione imprenditoriale 395 395 294 74%
Qualifiche 432 341 231 68%
Appr. Permanente 2.222 2.186 1.617 74%
Agg. Linguistico estero 232 230
Competenze per qualifica 249 249 182 73%
Professionalizzanti 449 446 301 67%
Formazione per gruppi omogenei 201 92 59 93%
Tirocini 757 493
Totale 5.197

Sgravi contributivi per le imprese che assumono

Garanzia Giovani funziona anche perché i Centri per l’impiego regionali sono molto efficaci. Con la riforma voluta dal Governo di centrosinistra del Friuli Venezia Giulia:

  • il 37% di chi chiede servizi trova lavoro
  • Il 7% trova un impiego grazie alla mediazione dei Centri per l’impiego (in Italia è il 3%)

Per le imprese che assumono un ragazzo iscritto al progetto ci sono bonus occupazionali.

Attiva Giovani: contro la disoccupazione un nuovo progetto da 5 milioni di euro

Il Gruppo consiliare PD e la Giunta di centrosinistra del Friuli Venezia Giulia offrono nuove opportunità ai ragazzi che non hanno un lavoro. Il progetto Attiva Giovani ha l’obiettivo di coinvolgere 1.200 giovani:

  • tra 18 e 30 anni (non compiuti)
  • che non lavorano da almeno 12 mesi
  • che non seguono percorsi formativi da 12 mesi

Il programma è appena partito con un finanziamento di 5 milioni di euro in 3 anni:

  • 4,5 milioni destinati ai ragazzi che non lavorano e non seguono attività di formazione
  • 500.000 euro per i lavoratori di lungo periodo con voucher

Dopo l’abolizione dei voucher, la Regione ha introdotto un contributo a fondo perduto per le aziende che assumono lavoratori in precedenza retribuiti con buoni lavoro. Grazie alla misura del Governo regionale di centrosinistra, nel 2017 sono state stabilizzate 150 persone che nell’anno precedente avevano percepito dalla stessa azienda compensi di almeno 1.000 euro in voucher.

RIFERIMENTI

*(ISTAT)
**(Regione in cifre 2017)
***(UE)

Potrebbero interessarti anche questi servizi: