Il Gruppo consiliare del Partito Democratico Friuli Venezia Giulia ha perseguito un grande obiettivo in questi cinque anni di amministrazione: quello di sostenere i cittadini nei momenti più importanti, e talvolta più complessi, della loro vita. Dall’arrivo di un figlio fino alle difficoltà del diventare anziani.

Qui troverai cinque storie di persone che hanno utilizzato le opportunità che, durante il mandato, il PD e il centrosinistra hanno messo a disposizione di tutti i cittadini della nostra regione.

I servizi per i genitori di bambini e ragazzi

Guarda la sua storia

Serena

La storia

Serena è una giovane mamma di Pordenone. Dopo la laurea triennale, ha interrotto gli studi per potersi dedicare al figlio nel primo periodo di vita. Non ha però dovuto scegliere tra la cura del piccolo e la propria formazione: grazie alle scelte del centrosinistra in Regione, ha potuto affidare Julian all’asilo nido con una riduzione sulle rette per i primi due anni. Serena ha così ripreso gli studi, completando una laurea magistrale e un master.

La Regione per le famiglie

Il Partito Democratico alla guida della Regione si è dato una priorità: aiutare i genitori nell’affrontare alcune spese fondamentali come quelle per l’istruzione e la salute di bambini e ragazzi. Da questo obiettivo sono scaturiti interventi che qui hanno permesso di contrastare fenomeni, drammatici in tante altre parti d’Italia, come la fuga delle famiglie dai nidi e la rinuncia a cure mediche fondamentali.

I servizi

Il sistema regionale di sostegno alla famiglia è ampio e articolato, ma presenta alcuni servizi unici in Italia, che dimostrano l’attenzione riservata ai bambini e ai ragazzi da parte del PD in Regione. Basti pensare all’abbattimento delle rette dei nidi per un’ampia fascia di reddito o al rivoluzionario programma di odontoiatria sociale. Ma non finisce qui: scopri i servizi più importanti dedicati alle famiglie.

clicca qui

I servizi per gli studenti

Guarda la sua storia

Lidano

La storia

Lidano vive a Cervignano del Friuli. Ha da poco conseguito la laurea magistrale in Scienze del Governo e Politiche pubbliche, con una tesi sulle Unioni di Comuni. Durante il percorso formativo ha potuto accedere ad alcune opportunità importanti, come la borsa di studio, ottenuta attraverso l’Agenzia Regionale per il Diritto agli Studi Superiori, e il tirocinio di sei mesi sponsorizzato dal Centro di Competenza per la Pubblica Amministrazione.

La Regione per gli studenti

Gruppo PD e Giunta del Friuli Venezia Giulia hanno sempre considerato l’istruzione superiore come un fattore determinante per il futuro del territorio. Il sistema regionale di sostegno agli studi è quindi particolarmente esteso e non si limita all’università o ai confini nazionali. Inoltre, con l’idea che uno studente debba ricevere un supporto completo nel suo percorso, i contributi vanno oltre il semplice pagamento delle rette.

I servizi

Università, ma non solo. Le borse di studio valgono, per esempio, anche per gli studenti che frequentano il conservatorio, gli istituti tecnici di specializzazione, l’Accademia di Belle arti. Esistono, inoltre, opportunità anche per i ragazzi che affrontano la formazione all’estero e un contributo economico a sostegno delle iniziative culturali, turistiche, aggregative di interesse per gli studenti. Il sostegno arriva fino ad alloggi, mense, trasporti: scopri tutti i servizi nel dettaglio.

clicca qui

I servizi per i giovani lavoratori

Guarda la sua storia

Melania

La storia

Melania è un perfetto esempio di "cervello" che non è fuggito all’estero. È anche un esempio di quello che l’intervento delle istituzioni nel campo del lavoro può rappresentare per tantissimi ragazzi. Oggi Melania lavora in uno studio grafico, dove è stata assunta con contratto di apprendistato, ma la sua storia inizia con un breve stage dopo la laurea, seguito da un tirocinio di sei mesi garantito dal progetto regionale PIPOL.

La Regione per i giovani lavoratori

Quasi cinque anni fa, il Partito Democratico in Regione si è dato l’obiettivo di ridurre abbandono scolastico e disoccupazione giovanile entro il mandato. Risultato ottenuto: oggi il Friuli Venezia Giulia è tra le regioni italiane più virtuose. Questo è accaduto grazie a interventi tesi, da una parte, a mantenere i ragazzi sui “binari” della formazione e dell’orientamento, dall’altra, a incentivare le imprese ad assumere giovani lavoratori.

I servizi

In questi anni di governo regionale sono stati messi in campo servizi per intervenire sulle necessità, e talvolta i problemi, dei giovani che hanno appena concluso gli studi e desiderano entrare nel mondo del lavoro o aprire un’azienda. Dai percorsi individuali di Garanzia Giovani per chi cerca lavoro, a quelli di Attiva giovani per aiutare chi rinuncia a formarsi o a cercare, alla formazione e ai contributi di Imprenderò (fino a 100.000 euro!), ecco le opportunità a disposizione delle nuove generazioni

clicca qui

I servizi per i lavoratori con esperienza

Guarda la sua storia

Fabrizio

La storia

Fabrizio ha cinquantacinque anni, è sposato, ha due figli e, di professione, ha sempre fatto il programmatore della produzione presso aziende di medie dimensioni. Una vita serena fino a che, nel 2013, non si è trovato senza occupazione e ha dovuto affrontare la sfida del lavoro autonomo. Oggi Fabrizio si è riconquistato una stabilità, soprattutto grazie alla propria energia e (un poco) anche grazie a Imprenderò 4.0, i corsi regionali per l’imprenditorialità.

La Regione per i lavoratori adulti

Il Gruppo consiliare PD in Regione, per la propria storia e i propri valori, sa bene quanto sia centrale il tema dell’occupazione nella vita delle persone, a maggior ragione quando si parla di cittadini che hanno una famiglia a carico. Per questo motivo, ha lavorato alla creazione di un insieme di servizi che sostengono tanto i lavoratori occupati, magari in libera professione, quanto e soprattutto quelli che devono affrontare, nuovamente, il mercato.

I servizi

Ci sono contributi a fondo perduto per aiutare i liberi professionisti a formarsi e a far fronte alle spese legate alla nascita di un figlio. C’è il sostegno economico diretto alle sostituzioni e alle collaborazioni tra lavoratori autonomi. Per chi è a rischio povertà ci sono, poi, le misure attive di sostegno al reddito, oltre ovviamente ai percorsi di ricerca del lavoro garantiti dai Centri per l’impiego. Sono solo esempi delle opportunità disponibili: ecco il piano completo.

clicca qui

I servizi per gli anziani

Guarda la loro storia

Franco e
Marisa

La storia

Franco e Marisa sono sposati da cinquantacinque anni, vivono a Gradisca, e si danno molto da fare per la propria comunità. Lui dedica il proprio tempo all’Università della terza età, della quale è orgoglioso: lo fa da volontario, come Marisa, che è invece impegnata all’interno dell’Auser, l’associazione per l’invecchiamento attivo. Sono due persone ancora in salute, che sanno però bene quanto sia indispensabile un sostegno a chi è avanti con l’età.

La Regione per gli anziani

Con la seconda popolazione anziana del Paese, offrire servizi per la terza età in Friuli Venezia Giulia significa garantire giuste cure ai cittadini non autosufficienti, ma anche la possibilità di seguire stili di vita sani a chi è ancora in salute. Questa missione, per il Partito Democratico alla guida della Regione, ha l’ulteriore obiettivo di alleggerire il carico gravante sui parenti e permettere a questi ultimi di dedicare le giuste energie anche al lavoro e ai figli.

I servizi

I servizi regionali sostenuti dal Gruppo PD e dalla Giunta mirano a toccare diversi aspetti della vita dei cittadini avanti con l’età, come il programma di odontoiatria sociale, che offre cure e protesi a prezzo calmierato o addirittura gratuite. Ci sono anche, per esempio, i contributi per l’affitto dedicati alle famiglie che si fanno carico dei propri anziani, i programmi per l’invecchiamento attivo e altro ancora: scopri i servizi dedicati alla terza età.

clicca qui